Espansione di Memoria

image

Un’intera giornata per ricordare, ricordare quello che è stato. Ricordare, quelle vite e il sangue versato delle persone che ,quel tempo , correvano a piedi nudi, mangiavano pane più duro di una roccia. Ricorda perché la memoria serve per costruire il nostro futuro. (Mantegazza).

 

Per ricordare la giornata del 13 febbraio a Casa Cervi…

Una giornata passata con i professori Mantegazza e Schermi, professori della memoria, che hanno aiutato noi nel capire meglio l’importanza della conoscenza del ricordo.

Annunci

I 70 anni della nostra Costituzione.

2 giugno 1946- 2 giugno 2016… sono passati 70 anni e noi siamo ancora qui a ricordare e a riflettere su tutti i sacrifici fatti per fare l’Italia un Paese come è adesso.

Il 2 giugno tutta la classe è andata in sala Peppino Impastato dove la nostra compagna Denise ha spiegato tutto il percorso fatto durante l’anno sulla costituzione.

 

Carpi.

 

20160527_171620.jpg

Questa è una stele del Museo del Deportato di Carpi, una delle stele su cui sono riportati i nomi dei campi di concentramento, dei campi di paura. Il museo si basa sul tema della deportazione  di ebrei e con frasi emozionanti fa rivivere la brutalità di quei momenti.

Fossoli e il suo campo.

20160527_153558.jpg

Questo campo, costruito nel 1942 e attivo fino al 1970 servì per tanti scopi. All’inizio era un campo di permanenza condiviso  da ebrei e prigionieri di guerra, poi divenne un campo di smistamento da cui partivano camion carichi di persone per arrivare, poi, ai campi di concentramento in Germania.

20160527_153440.jpg

In questa baracca del campo di Fossoli si trovavano circa 200 persone ammassate, è la baracca n° 18, la stessa baracca in cui 69 persone persero la vita nel poligono di Cibeno, era un giorno qualunque, era un giorno in cui il sangue non sarebbe mancato.

Marzabotto.

20160527_085733.jpg

Appena arrivati ci hanno accolto nella sala comunale di Marzabotto dove, spiegando l’eccidio avvenuto qui, il Sindaco del paese si è presentato. Hanno parlato insieme a lui anche Rina Saccani, la professoressa Bennardo e il nostro Sindaco di Torrile. Tutti ci hanno motivato a ricordare e combattere per la libertà.

20160527_100912.jpg

Ci troviamo al sacrario ai caduti per l’eccidio di Marzabotto, in cui sono conservati alcuni resti e, soprattutto, la memoria delle vittime.

IMG-20160527-WA0003Questi sono solo alcuni dei nomi delle 770 vittime dell’eccidio di Marzabotto. tra questi c’erano:

  • 315 donne.
  • 189 bambini inferiori ai 12 anni.
  • 30 giovani dai 12 ai 18 anni.
  • 161 uomini dai 18 ai 60 anni.
  • 76 anziani oltre i 60 anni.

Tutto questo ci ricorda che in loro memoria la Resistenza deve continuare e scegliere da che parte stare è molto importante.

 

Torrile-Martina Franca

Questa esperienza ci ha permesso di unire vite ed emozioni diverse, attraverso lo studio comune del secolo che ci ha preceduto e della crudeltà delle guerre e dittature che lo hanno caratterizzato, che prima hanno spezzato e poi riunito, grazie al ricordo, tutti noi.E’stato un modo per confrontare le nostre idee, le nostre storie, basandoci su Eroi del passato che hanno reso, grazie alle loro lotte, libero il nostro futuro.

IMG-20160519-WA0000

All’inizio abbiamo letto e spiegato il percorso fatto sulla costituzione e abbiamo spiegato cosa hanno fatto i nostri padri costituenti, eroi del nostro passato.

Subito dopo noi di Torrile abbiamo regalato dei libri riguardanti le lotte dei nostri eroi partigiani.

IMG-20160519-WA0004

I ragazzi di Martina Franca erano molto simpatici e , infatti, alcuni si sono fatti delle foto per ricordare questa unica e indimenticabile esperienza.

IMG-20160519-WA0009

Naturalmente non poteva mancare la nostra cara partigiana Rina Saccani che ci ha ringraziato per le cose dette e fatte. Vicino a lei c’è Lucia Frasanni che è l’assessore alla scuola e alla sua sinistra c’è un componente dell’associazione dell’Anpi.

IMG-20160519-WA0011

Infine abbiamo fatto una foto di gruppo per non dimenticarci mai dei nostri “amici di tastiera” che sono stati molto simpatici.

Un saluto da Torrile e Martina Franca.